Skip to main content
Clima Survey

Che clima si respira?

I risultati della survey di Forward

By Dicembre 2022Nessun commento

La maggioranza dei nostri lettori considera che sia più corretto parlare di emergenza climatica che di cambiamento climatico e si sente molto preoccupato per il proprio futuro. Pensa che ci sia ancora molto da fare e che, nonostante le azioni individuali siano importanti, solo le decisioni politiche possano fare la differenza.

Pensa sia più giusto parlare di cambiamento climatico o di emergenza climatica?

Secondo lei i cambiamenti climatici rappresentano una minaccia molto seria?

Quali sono le principali minacce del cambiamento climatico?

“Le disuguaglianze di genere possono essere aggravate dalla crisi climatica che è in grado di alterare stili di vita, modificare mezzi di sussistenza, con un impatto sulla salute e sulla sicurezza delle donne di tutto il pianeta”. Quanto la trova d’accordo questa affermazione?

Ritiene efficace lo sforzo fatto finora per rispondere all’emergenza climatica?

Anche le azioni dei singoli possono contribuire nel contrasto all’emergenza climatica. È d’accordo?

L’approccio “One Health” – che riconosce le interconnessioni e le interdipendenze sanitarie tra esseri umani, altri animali e gli ambienti condivisi in cui viviamo e interagiamo – potrà aiutarci a prevenire le prossime pandemie?

Ha notato un aumento dell’informazione sui cambiamenti climatici nei media negli ultimi anni?

L’incremento della temperatura media e della frequenza e intensità delle ondate di calore può determinare un aumento del rischio di infortunio sul lavoro”. Nel suo ambiente di lavoro se ne è mai parlato?

Secondo Paolo Vineis, “ignorare il mondo delle imprese e in particolare la finanza rischia di essere un gravissimo scotoma in chi si occupa di clima. Le imprese producono gran parte del reddito ma sono anche responsabili di gran parte dell’inquinamento e dei gas serra”. Quanto la trova d’accordo questa affermazione?

La crisi energetica e la crisi climatica sono due facce della stessa medaglia. Quali soluzioni considera prioritarie per affrontare entrambe le crisi?

Il questionario è stato inviato tramite newsletter. Hanno risposto 314 persone, per la maggior parte dirigenti sanitari, epidemiologi, medici, infermieri e ricercatori. Età media 55 anni.

Lascia un commento

Contattaci