Sostenibilità Timeline

Verso una simmetria sostenibile

Cambiare oggi per la salute planetaria di domani, per il futuro dell’umanità.

By Maggio 2019Luglio 29th, 2020No Comments

Già nell’era industriale si è iniziato a parlare di sostenibilità. E nel tempo il concetto di sostenibilità è evoluto, si è perfezionato, oltre che nella definizione anche nelle azioni (spesso solo teoriche) necessarie per evitare la catastrofe teorizzata nel 1798 dall’economista Thomas Malthus. Negli anni settanta, presa consapevolezza che uno sviluppo legato alla sola crescita economica avrebbe causato il collasso dei sistemi naturali, ha iniziato a farsi strada l’esigenza di uno sviluppo sostenibile. Anch’esso un concetto complesso – spiega Enrico Giovannini – che integra economia, società, ambiente e qualità delle istituzioni.

La sostenibilità chiama in causa la nostra profonda vulnerabilità di cui siamo artefici. “Forse la più grande sfida in tutto ciò ha le radici nel vincolo del tempo imposti dai cambiamenti ambientali. Un fallimento nell’agire in modo puntuale minaccia il nostro futuro”, commenta Kent E. Portney della Texas A&M university [1]. Il punto cruciale è raggiungere quello stato stazionario affinché il pianeta possa sostenere sia la popolazione umana sia la crescita economica. E colmare quella distanza tra realtà e intenzioni. “Praticare la sostenibilità significa andare oltre i confini nazionali, politici, economici, ideologici, razziali, etnici e di genere, e quelle spaccature che ci dividono e frammentano”, scrive Leslie Paul Thiele della University of Florida [2].

Significa di fondo una nuova filosofia di vita che Richard Horton [3] chiama “salute planetaria”: “Abbiamo bisogno di una nuova visione, a partire da un’azione cooperativa e democratica a tutti i livelli della società e di un nuovo principio di planetism e benessere per ogni persona su questa Terra. Un principio che stabilisca che dobbiamo conservare, sostenere e rendere resilienti i sistemi planetari e umani dai quali la salute dipende, dando priorità al benessere di tutti. Troppo spesso i governi si impegnano, fanno promesse ma poi falliscono nel metterle in pratica”. La salute pubblica e la medicina hanno un ruolo importante. La sfida è grande, ma la posta in gioco vale il futuro dell’umanità. Se ne saremo all’altezza solo il tempo ce lo dirà.

Abbiamo bisogno di una nuova visione, a partire da un’azione cooperativa e democratica a tutti i livelli della società e di un nuovo principio di planetism e benessere per ogni persona su questa Terra. Richard Horton – The Lancet

Bibliografia

[1] Kent E. Portney. Sustainability. Cambridge (Massachusetts): The MIT Press, 2015.
[2] Thiele LP. Sustainability – second edition. Cambridge (UK): Polity Press, 2016.
[3] Horton R, Beaglehole R, Bonita R, et al. From public to planetary health: a manifesto. Lancet 2014; 383:847.

Lascia un commento